Da lunedì 22 marzo il Consiglio Comunale avrà nuove regole.

Da lunedì 22 marzo il Consiglio Comunale avrà nuove regole.

Sarà operativo dal prossimo Consiglio Comunale il nuovo regolamento recentemente approvato. Quali sono i principali cambiamenti.

Dopo l’approvazione avvenuta nel Consiglio Comunale dell’8 marzo, senza nessun voto contrario, e dopo i 10 giorni di pubblicazione sull’Albo Pretorio previsti per legge, dal prossimo 22 marzo sarà vigente il nuovo Regolamento del Consiglio Comunale di Reggio Emilia

Il percorso per la costruzione di queste nuove regole è stato fortemente partecipato e anche molto gratificante perché si è riusciti a tenere insieme tutte le forze politiche coinvolte, senza mai ricorrere a voti di maggioranza e arrivando a una condivisione unanime in tutte le scelte. 

Condivisione a volte faticosa perché partiva da visoni molto distanti, come nel caso dell’utilizzo della videoconferenza, ma che con mediazioni e disponibilità reciproche ha consentito di raggiungere punti di equilibrio su tutte le modifiche effettuate. Del resto non poteva essere altrimenti: il Regolamento del Consiglio Comunale è ciò che permette ad ogni Consigliere di esercitare il suo ruolo e non sarebbe stato giusto approvare regole nuove senza accogliere le preoccupazioni delle forze di opposizione. 


Con il nuovo regolamento cambiano diverse cose. Fra le principali ci sono:

  • la possibilità della videoconferenza (art. 9) e anche la possibilità di attivare il Consiglio misto (art. 10), nel quale alcuni Consiglieri potranno rientrare in Sala del Tricolore ed altri, per giustificati motivi, potranno connettersi da casa e partecipare ugualmente alla discussione;
  • aumentano gli strumenti a disposizione dei cittadini (art.18): vengono tolte una serie di limitazioni legate alla pubblicità delle sedute e si dà la possibilità di attivare nuovi strumenti, già individuati, per facilitare ogni cittadino a recuperare le informazioni che gli servono da ogni dibattito avvenuto in Sala del Tricolore;
  • aumentano anche gli strumenti di tutela delle forze di opposizione (art. 22), limitando i poteri della maggioranza di determinare i temi che vuole trattare e quelli che vuole rinviare ad altra data; aumentano gli strumenti a disposizione dei Consiglieri, viene ad esempio sancito che ogni nuovo Consiglio Comunale fruirà di una diritto/dovere ad una formazione specifica sui temi più importanti e sulle competenze specifiche dell’organo consigliare (art. 64),
  • viene diminuito il potere discrezionale del Presidente del Consiglio e dato maggior risalto all’importanza della riunione della Capigruppo, dalla quale ora diventerà sempre necessario passare per invitare eventuali relatori esterni e dar loro la parola in Consiglio Comunale (art. 16). 

Queste ed altre sono le modifiche proposte e portate in delibera. Una delibera che aumenta gli strumenti democratici e di partecipazione di tutti, nel rispetto di tutte le forze politiche, dei cittadini e soprattutto aumentando l’esercizio delle funzioni democratiche che abbiamo l’onore di rappresentare in Sala del Tricolore.

Scarica il Comunicato stampa

Rassegna stampa

Matteo Iori

I commenti sono chiusi